martedì 27 novembre 2012

DiCose - Cherries and Broken Ass EP (AK, 2011)

Il grunge non è morto, neanche per il cazzo! Oppure è rinato. A Catanzaro. Dopo gli Emily Witch, dei quali avevo recensito a inizio anno il bell'EP Painfully Sober Again, eccomi per le mani questo EP lungo dei lameziani DiCose. Ex cover band di Alice In Chains, Stone Temple Pilots e Smasing Pumpkins (gruppi che il sottoscritto non è mai riuscito a digerire) si sono recentemente dati alla scrittura dei pezzi, con risultati a tratti promettenti a tratti un po' derivativi e deludenti. 

I Nostri portano in dote una grezza vena grunge-metal (la traccia di apertura Fandong), una fiera attitudine hardcore per la verità un po' fuori luogo qua dentro (Ego al kiodo, cantata in italiano, che sembra quasi di ascoltare i Negazione), una produzione in bassa fedeltà e una voce che riesce ad affrontare momenti epici e inflessioni più ruvide. Niente di eccezionale, alla fine dei conti. Pur mostrando una buona capacità tecnica e una discreta abilità nel costruire quadrati pezzoni grunge-metal, si ha la sensazione che le canzoni restino un po' troppo ancorate a vecchi stilemi e non riescano a bucare le casse, con quei facili riffoni metal a fare da contorno e una malcelata volontà epica a-là Alice In Chains a smielare il tutto (This Tuck-0). Merita una segnalazione positiva la bella Fhranciskina's Son e la opening track, che svettano su tutto come le cose più interessanti e originali del lotto. Lasciare a casa le sudditanze e avanti su queste strade, pleaaaase!



links:

Nessun commento:

Posta un commento