giovedì 18 ottobre 2012

The Nomads - Solna (Devils Jukebox, 2012)

Ve l'avevo promessa circa 6 mesi fa, e alla fine eccola qui. È la recensione (anzi, la mini-recensione) dell'ultimo album degli immortali Nomads. 
Solna è un signor disco, un album che si inserisce perfettamente nella discografia dei nostri, mostrando i denti con pezzoni rock'n'roll punk (Miles Away), ruvidi garage (hard)rock dilaniati dal fuzz (Hangman's Walk), e aprendo l'anima con ballatoni garage-psych (The Bad Times Will Do Me Good). Se non vi basta, fatevi pure mettere il pepe al culo dal pop-punk della ramonesiana American Slang, rilassatevi con il garage pop di estrazione 60s di Make Up My Mind e fatevi trasportare dal riffare hard di Up, Down or Sideaways. Ci sono anche pezzi meno riusciti e più stanchi (You Won't Break My Heart, 20000 Miles), ma provate voi a fare un album così con più di trent'anni di carriera sul groppone!

Best tracks: Miles Away, The Bad Times Will Do Me Good



links:
the nomads
devils jukebox records

3 commenti:

  1. E parliamone pure a voce alta... Una gran bella segnalazione amico!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la meriterebbero un bel po', la nostra attenzione, e invece se li sono cagati in pochissimi... Facciamoli girare. Grazie mille amica! ;) E bel blog, complimenti!

      Elimina
  2. Grazie Leonardo... e mille baci per l'iscrizione!

    RispondiElimina