venerdì 17 febbraio 2012

Cheap Freaks - Bury Them All (Big Neck, 2012)

Una band con un nome così che sceglie un titolo così per il proprio album di debutto non potevo non recensirla. Soprattutto se uno dei tuoi blog preferiti descrive questo Bury Them All come un felice mix di Oblivians, Lyres, Cynics, The Gun Club, Jim Jones Revue e tanta altra bella gente. Apriti cielo!

I "fricchettoni economici" sono un trio di Dublino che ha già all'attivo un singolo e un EP (che troverete in download gratuito sul blog della band) di sgangherato garage punk e rock'n'roll che ricorda band come Yardbirds, Oblivians e Jim Jones Revue. Tornano a inizio anno, sorprendendoci ancora sul nostro piatto di cotechino e lenticchie con questo splendido full-length che segna l'esordio per quei geni della Big Neck Records e che rappresenta un deciso balzo in avanti. Non che siano maturati e abbiano addolcito il suono o stronzate del genere. No, per carità, i Cheap Freaks restano sempre degli ottimi caciaroni che sanno fare del buon garage punk ad alto contenuto di testosterone. Però, come si suol dire, il livello di scrittura si è notevolmente elevato, la produzione ha reso giustizia alle potenzialità del trio, e ne è uscito fuori un disco con i controcazzi! 

Il garage punk di 1984, giusto per citarne una così a getto, è da paura. Ma se scorrete la puntina su Bury Them All incontrerete numerosissime perle grezze freak & fuzz che vi faranno passare una buona mezz'oretta di gloria e passione tra revival Nuggets (Hit), severi e fieri inni psichedelici (Cruel World), bastonate garage punk (Cryin' Shame, o la già citata 1984), splendidi garage rock sing-along carichi di farfisa (I'm Coming Home), siparietti di garage imbottiti di noise (Bolsheviks) e un sacco di altra roba da leccarsi i baffi.
Be', questo è quanto, mi sembra più che abbastanza. Ora non vi resta che ciucciarvelo così, alla goccia, che qui le mezze misure non sono di casa.


links:
cheap freaks
cheap freaks - blog
cheap freaks - facebook
cheap freaks - twitter
big neck records

Nessun commento:

Posta un commento