sabato 26 febbraio 2011

Ai signori della guerra / #loudnotes

Salve a tutti!

In attesa di tornare a violentarvi i timpani con la seconda parte di "Bone Broke", e mentre fuori spirano forti i venti di una nuova guerra umanitaria, Loud Notes vi propone una canzone e una dedica.
Vorrei dedicare questo pezzo ai Gheddafi di ieri e di oggi, e a tutti quelli che governano popoli con la forza; ai difensori dei diritti umani a giorni alterni, che gridano indignazione con voce afona e mano armata, occultando relazioni decennali e trattati imbarazzanti; a quel potere arrogante che arma mani insanguinate e poi sanziona e bombarda senza provare vergogna; a chi fabbrica, vende, e fa affari sul sangue delle persone; ai profeti dell'intervento, ai signori della guerra...

La canzone oggetto della dedica è Masters Of War di Bob Dylan (The Freewhellin' Bob Dylan, 1963). Si tratta, secondo chi scrive, della più bella canzone contro la guerra mai incisa su disco (insieme alla Guerra di Piero di Fabrizio De André), composta dal più grande paroliere (poeta?) del '900. Dispiace quasi di dover dedicare una così bella canzone a cotanta umana bassezza; tuttavia, è proprio per questo scopo che è stata composta (il testo originale lo trovate qua sotto; qui invece la traduzione in italiano); e, comunque, ce la sentiamo noi, loro crepino pure!
Essendo introvabile l'originale (la Sony, l'etichetta di Dylan, è uno dei più severi sceriffi del copyright), ce la ascoltiamo nella versione, pure bellissima, suonata dai Pearl Jam al David Letterman Show (NB: i versi finali sono invertiti rispetto alla versione originale). 
Buon ascolto!


Come you masters of war
You that build all the guns
You that build the death planes
You that build the big bombs
You that hide behind walls
You that hide behind desks
I just want you to know
I can see through your masks

You that never done nothin'
But build to destroy
You play with my world
Like it's your little toy
You put a gun in my hand
And you hide from my eyes
And you turn and run farther
When the fast bullets fly

Like Judas of old
You lie and deceive
A world war can be won
You want me to believe
But I see through your eyes
And I see through your brain
Like I see through the water
That runs down my drain

You fasten the triggers
For the others to fire
Then you set back and watch
When the death count gets higher
You hide in your mansion
As young people's blood
Flows out of their bodies
And is buried in the mud

You've thrown the worst fear
That can ever be hurled
Fear to bring children
Into the world
For threatening my baby
Unborn and unnamed
You ain't worth the blood
That runs in your veins

How much do I know
To talk out of turn
You might say that I'm young
You might say I'm unlearned
But there's one thing I know
Though I'm younger than you
Even Jesus would never
Forgive what you do

Let me ask you one question
Is your money that good
Will it buy you forgiveness
Do you think that it could
I think you will find
When your death takes its toll
All the money you made
Will never buy back your soul

And I hope that you die
And your death'll come soon
I will follow your casket
In the pale afternoon
And I'll watch while you're lowered
Down to your deathbed
And I'll stand o'er your grave
'Til I'm sure that you're dead

Nessun commento:

Posta un commento